Santuario della SS. Trinità Misericordia Maccio di Villa Guardia (CO)

IN EVIDENZA

PREGHIERE

WEB TV

Prossimi appuntamenti

Mar 17 Luglio 2018, ore 07:00
Esposizione Eucaristica

Mar 17 Luglio 2018, ore 08:00
Lodi mattutine

Mar 17 Luglio 2018, ore 08:30
S. Messa

Mar 17 Luglio 2018, ore 17:00
S. Rosario

Mar 17 Luglio 2018, ore 17:30
S. Messa

Mar 17 Luglio 2018, ore 21:00
Supplica alla Santissima Trinità Misericordia

Mer 18 Luglio 2018, ore 07:00
Esposizione Eucaristica

Mer 18 Luglio 2018, ore 08:00
Lodi mattutine

FOGLIETTO DELLA SANTA MESSA E AVVISI PARROCCHIALI .

Parrocchia di Maccio

SETTIMANA 15 - 22 LUGLIO



PARTENZA DEI CAMPI ESTIVI dei ragazzi:

tutti sappiamo l’importanza di queste esperienze estive che danno la possibilità di vivere insieme un momento forte di gruppo, di oratorio e di formazione spirituale e umana. Quest’anno la proposta è davvero ampia:

- campo 5^el.-1^med. a Pedenosso (16-23 luglio)

- campo 2^-3^med. a Pedenosso (23-30 luglio)

- campo 1^-2^ sup. a Pedenosso (30 luglio-7 agosto)

- campo superiori con la Diocesi: Valtellina-Roma dal Papa: 5-12 agosto

- campo giovani  in Puglia “sulle orme di don Tonino Bello” (18-25 agosto).

(don Gigi - foglietto s. Messa).



A COLORO CHE  FANNO L’ORTO ACCETTASI DONAZIONI DI FRUTTA E VERDURA per i campeggi dei ragazzi le cui partenze sono: Lunedì 16 luglio, Lunedì 23 luglio e Lunedì 30 luglio.
 Rivolgersi a don Gigi.




FESTA FINALE DEL GREST E DEL PALIO

Domenica 15 Luglio

- h.11.00 S.Messa del Grest (ragazzi venite col ‘Messabus’)

- h.14.30-17.30: Torneo calcio e pallavolo dei ragazzi del Grest

- h.17.30-19.00: Giocone Palio

- dalle h.19.00: cucina aperta- MENU’ : Paella di carne e pesce, Sangria, Pannacotta allo zenzero.

...e a fine serata: spaghettata di Mezzanotte (spaghetti aglio olio peperoncino con pomodori secchi e capperi!)

- h.21.00 premiazioni Grest e Palio e ‘cerimonia’ di chiusura.


https://oratoriomaccio.org/






FOGLIETTO della SANTA MESSA

E degli AVVISI PARROCCHIALI 







LUNEDI' 16 LUGLIO: 
COMMEMORAZIONE SOLENNE della 
Beata Vergine Maria del Monte Carmelo


Dal libro Questioni di mistica del venerabile Michele di sant'Agostino
(Lib. I, tratt. I, cap. 18; Antuerpiae, 1671, pp. 31-32)

Maria ci conduce a Cristo
Non posso passare sotto silenzio - anzi mi sforzo d'inculcare a tutti - la cordiale devozione, l'amore filiale, l'affetto colmo di tenerezza verso la Madre, degna d'amore, Maria: quei sentimenti sono un mezzo singolare ed efficace per educare a condurre una vita pia in Cristo. Poiché Maria è salutata Madre di grazia e di misericordia e poiché l'una e l'altra sono necessarie a condurre una vita di pietà, con quale diritto pretendiamo rifugiarci nella grazia e conseguire misericordia senza cercare l'una e l'altra presso la Madre della grazia e della misericordia? Dirò dunque con l'Apostolo: «Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno».


Ma per poterci accostare a questo trono di grazia con fiducia, è necessario conquistare l'amore di Maria verso di noi.

Per questo tutti coloro che si gloriano di professarsi suoi figli, servitori o fratelli, devono sforzarsi di adeguare la loro vita alle esigenze della professione che hanno scelto, solleciti nell'emulare in qualche modo la loro santa Patrona, una Madre tanto degna d'amore e una Sorella tanto colma di benevolenza, imitandone gli atteggiamenti di perfezione, ereditandone l'indole meravigliosa. Perciò, tu che l'ami come Madre, imitane l'umiltà, la castità, la povertà, la docilità; imitala nell'amore di Dio e del prossimo; in tutte le virtù.
Allo scopo di tributarle l'amore che le si deve e le conviene, dopo che avrai offerto giorno per giorno te stesso e ogni cosa alla Santissima Trinità in Cristo e per i suoi meriti, prendi anche l'abitudine di offrire in modo particolare tutto ciò che sei e hai a questa Madre amantissima: tutto ciò che fai nel nome del Signore, fallo ugualmente nel nome di Maria.

A lei affida tutto te stesso. A lei accostati come ad una maestra espertissima, consultala come vergine prudentissima. Comportati, in una sola parola, come un bravo figlio; costaterai per esperienza che essa è madre del bell'amore e della santa speranza. Da lei scorrerà a te ogni grazia di vita, di via e di verità. In lei splenderà per te ogni speranza di vita virtuosa. Essa non cesserà mai d'impetrare le grazie necessarie alla tua perseveranza; essa sarà per te una fonte di acqua viva.

Nell'ora della tua morte, non sdegnerà di dire che ti è sorella, anzi madre. Allora sarà il momento più bello per te e la tua anima si sentirà viva più che mai, in grazia di lei. Così conducendo nell'ossequio e nel culto di lei una vita devota, meriterai di spirare tranquillo e fiducioso e pio, nell'abbraccio di lei. Tra quelle braccia materne sarai guidato al porto della tua salvezza. Chi ama Maria certamente si salverà.

Solennità per i Carmelitani

LITURGIA DELLA PAROLA


Prima Lettura 
1 Re 18, 42-45
Elia pregò sul monte Carmelo e il cielo diede la pioggia.
 
Dal primo libro dei Re
Elia si recò alla cima del Carmelo; gettatosi a terra, pose la faccia tra le proprie ginocchia. Quindi disse al suo ragazzo: «Vieni qui, guarda verso il mare». Quegli andò, guardò e disse: «Non c’è nulla». Elia disse: «Tornaci ancora per sette volte». 
La settima volta riferì: «Ecco una nuvoletta, come una mano d’uomo, sale dal mare». Elia gli disse: «Va’ a dire ad Acab: Attacca i cavalli al carro e scendi perché non ti sorprenda la pioggia!». Subito il cielo si oscurò per le nubi e per il vento; la pioggia cadde a dirotto.

Salmo Responsoriale 
Dal Salmo 14
Ti seguiremo dovunque ci condurrai, Vergine Maria.

Signore, chi abiterà nella tua tenda?
chi dimorerà sul tuo santo monte?

Colui che cammina senza colpa,
agisce con giustizia e parla lealmente,
non dice calunnia con la lingua,
non fa danno al suo prossimo
e non lancia insulto al suo vicino.

Ai suoi occhi è spregevole il malvagio
ma onora chi teme il Signore.

Seconda Lettura
 Gal 4, 4-7
Dio mandò il suo Figlio nato da donna.
 
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati
Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per  riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessero l’adozione a figli. E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà! Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio; se poi figlio, sei anche erede per volontà di Dio.  
   

Canto al Vangelo   Lc 11, 28
Alleluia, alleluia.

Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano.
Alleluia.
 

Vangelo  Gv 19, 25-27
Ecco il tuo figlio, ecco la tua madre!

Dal vangelo secondo Giovanni
In quell’ora: stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.



Sequenza


Fior del Carmelo,
vite fiorente;
luce del cielo,
sei tu soltanto / Vergine Madre.

O Madre mite
intemerata,
ai figli tuoi
sii propizia, / Stella del mare.

Ceppo di Jesse
che doni il Fiore,
a noi concedi
di rimanere / con te per sempre.

Giglio sbocciato
tra acute spine
conserva puri
i nostri cuori / e dona aiuto.

Forte armatura
là dove infuria
la dura lotta:
offri a difesa / lo Scapolare.

Per noi incerti
tu sei la guida;
a noi provati
concedi ognora / consolazioni.

O dolce Madre,
Signora nostra:
colma del gaudio
di cui sei piena / i figli tuoi.

O chiave e porta
del Paradiso,
fa' che giungiamo
dove di gloria / sei coronata.

Amen