Santuario della SS. Trinità Misericordia Maccio di Villa Guardia (CO)
Home>Comunicazioni ed eventi>6 GENNAIO 2020: Solenne “Annuncio della Pasqua”. Le celebrazioni presiedute dal Vescovo Oscar in Cattedrale

IN EVIDENZA

CATECHESI

PREGHIERE

WEB TV

COMUNICAZIONI PER LA PARROCCHIA

Prossimi appuntamenti

Dom 19 Gennaio 2020, ore 07:00
Esposizione Eucaristica fino alle ore 8.00

Dom 19 Gennaio 2020, ore 08:00
Lodi mattutine

Dom 19 Gennaio 2020, ore 08:30
s. Messa (8.30)

Dom 19 Gennaio 2020, ore 11:00
s. Messa (11.00)

Dom 19 Gennaio 2020, ore 17:30
S. Rosario

Dom 19 Gennaio 2020, ore 18:00
S. Messa

6 GENNAIO 2020: Solenne “Annuncio della Pasqua”. Le celebrazioni presiedute dal Vescovo Oscar in Cattedrale


EPIFANIA DEL SIGNORE

Cattedrale di Como


(dal sito web della Diocesi di Como: liturgia.diocesidicomo.it)


“I Magi sono stati introdotti presso il gran Re che cercavano, e noi tutti li abbiamo seguiti. Il Bambino ha sorriso a noi come a loro. Fin da questo momento apriamo i nostri tesori; teniamo in mano il nostro oro, il nostro incenso e la nostra mirra, per il Neonato. Egli gradirà questi doni con bontà, e non sarà in ritardo con noi. Quando ci ritireremo come i Magi, lasceremo come loro i nostri cuori sotto il dominio del divino Re, e anche noi per un’altra strada, per una via del tutto nuova, rientreremo in quella patria mortale che deve ancora trattenerci, fino al giorno in cui la vita e la luce eterna verranno a far sparire in noi tutto ciò che vi è di ombra e di tempo.

(P. Gueranger, L’Anno liturgico)


5 Gennaio

ore 17.00: Santa Messa Vigiliare celebrata dal Vescovo emerito mons. Diego Coletti

ore 18.00: Primi Vespri solenni 


6 Gennaio

Durante la celebrazione eucaristica, appena dopo la proclamazione del Vangelo, è previsto il solenne “Annuncio della Pasqua”. L’Epifania è una festa della redenzione e la sua pienezza si avrà negli eventi pasquali.

In questo contesto, la manifestazione del Signore ai Magi appare come il primo atto di una sequenza di epifanie-manifestazioni che sono il tessuto dell’intera esistenza terrena di Cristo. Lui, luce del mondo, è la meta finale della storia, il punto di arrivo di un esodo, di un provvidenziale cammino di redenzione, che culmina nella sua morte, risurrezione e ascensione al cielo.

Per questo, nella solennità dell’Epifania, la liturgia prevede l’ Annuncio della Pasqua: l’anno liturgico, infatti, riassume l’intera parabola della storia della salvezza, al cui centro sta il Triduo del Signore crocifisso, sepolto e risorto.

“ L’usanza, [dell’ annuncio della Pasqua] che risale ai primi secoli della Chiesa, ricorda il misterioso legame che unisce le grandi solennità dell’Anno liturgico, come pure l’importanza che i fedeli devono attribuire alla celebrazione della Pasqua che è la più importante di tutte, e il centro di tutta la religione. Dopo aver onorato il Re delle genti nell’Epifania, ci rimarrà dunque da celebrare, a suo tempo, il Trionfatore della morte. 

(P. Gueranger, L’Anno liturgico)

ore 16.00: Vespri solenni capitolari

ore 17.00: Santa Messa Pontificale. Annuncio del giorno di Pasqua e delle feste dell’ Anno Liturgico.