Santuario della SS. Trinità Misericordia Maccio di Villa Guardia (CO)
Home>Documenti e preghiere>Documenti e preghiere - Santuario SS. Trinità Misericordia - Maccio di Villa Guardia - Como

IN EVIDENZA

CATECHESI

PREGHIERE

WEB TV

COMUNICAZIONI PER LA PARROCCHIA

Prossimi appuntamenti

Lun 24 Giugno 2019, ore 07:00
Esposizione Eucaristica fino alle ore 8.00

Lun 24 Giugno 2019, ore 08:00
Lodi mattutine

Lun 24 Giugno 2019, ore 08:30
S. Messa

Lun 24 Giugno 2019, ore 17:00
S. Rosario

Lun 24 Giugno 2019, ore 17:30
S. Messa

Lun 24 Giugno 2019, ore 19:00
s. Rosario per i Figli; guidato dal "Gruppo Famiglie" (ore 19.00 in Chiesa)

Lun 24 Giugno 2019, ore 21:00
Preghiera della Supplica alla Santissima Trinità Misericordia (vedi evento)

Mar 25 Giugno 2019, ore 07:00
Esposizione Eucaristica fino alle ore 8.00

Documenti e preghiere - Santuario SS. Trinità Misericordia - Maccio di Villa Guardia - Como

Ordinazione diaconale di Fabio Melucci
da parte del Vescovo Diego

Maccio di Villa Guardia (Co),
Santuario della Santissima Trinità Misericordia, 




s. Messa
sabato 13 settembre 2014, ore 10.00

 


Vangelo secondo San Giovanni (17, 1-30)


1Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. 2Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, 3Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, 4si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. 5Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui si era cinto. 6Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». 7Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». 8Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». 9Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». 10Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». 11Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».
12Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? 13Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. 14Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. 15Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi. 16In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. 17Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. 18Non parlo di tutti voi; io conosco quelli che ho scelto, ma deve compiersi la Scrittura: Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno. 19Ve lo dico fin d'ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io Sono. 20In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato».

Dette queste cose, Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». 22I discepoli si guardavano l'un l'altro, non sapendo bene di chi parlasse. 23Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. 24Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. 25Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». 26Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariota. 27Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». 28Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; 29alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. 30Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte.









S. Messa - video in formato flv 
disponibile all'indirizzo:

http://bambuser.com/channel/trinitamisericordia





file icon mp3 Audio dell'omelia in formato MP3




Il Signore non manca mai di stupirci
con gli interventi
della sua Misericordia! 

Il Santuario testimonia questa particolare esperienza di grazia.




Preghiera della Supplica e spiegazione degli avvenimenti che hanno portato la Chiesa Parrocchiale di Maccio, Parrocchia S. Maria Assunta, ad essere dichiarata Santuario Diocesano, dedicato alla SS. Trinità Misericordia.

Alla recita di ciascun mistero della preghiera della Supplica fa seguito una spiegazione delle vicende accadute, don Luigi Savoldelli (parroco e rettore) guida la preghiera e la riflessione.
La registrazione è stata effettuata nel contesto di un incontro di preghiera e riflessione per le famiglie, tenuto in Santuario il giorno 11 luglio 2014.

Tutti i file audio sono in formato MP3 e liberamente scaricabili.

Gli avvenimenti spirituali, che qui si sono compiuti, iniziano nell’anno 2000 e sono legati alla particolare esperienza di fede e di preghiera di un parrocchiano, che attraverso “visioni intellettuali”,riferite sempre al suo confessore e, in seguito, all’autorità della Chiesa, avverte,  una viva presenza del mistero della Santissima Trinità, che si è rivelata a noi uomini nel Verbo fatto carne, il Signore Gesù, e continuamente si dona nel Sacramento dell’Eucaristia, per il bene della Chiesa e la pace del mondo intero. 
Proprio per garantire la serietà dell’esperienza vissuta il Vescovo, con parere unanime del proprio Consiglio Episcopale e della Commissione Diocesana decide, a partire dalla prima domenica di Avvento (28 novembre 2010), di riconoscere alla chiesa parrocchiale di Maccio, Parrocchia S. Maria Assunta, il titolo di “Santuario Diocesano”, dedicandolo alla “Santissima Trinità Misericordia” e, nel contempo approva e consente l’uso di particolari preghiere nate in questo contesto e riassunte nella “Supplica alla Trinità Misericordia”.


file icon mp3 introduzione alla serata di preghiera_file audio.mp3




1. L’Immacolata concezione di Maria

file icon mp3 Audio_primo mistero e spiegazione degli avvenimenti


Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
(Luca 1,26-28;oppure  Isaia 61,10).
 




2. L’incarnazione del Verbo
file icon mp3 Audio_secondo mistero e spiegazione degli avvenimenti

In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.
E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità

(Giovanni 1 1.14; oppure Luca 1,34-35).





    


3. La passione di Ge
file icon mp3 Audio_terzo mistero e spiegazione degli avvenimenti

  
         


[Gesù disse:] «Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!»
(Giovanni 12,27-28; oppure Luca 22,40b-42).  





4. La morte di Gesù in croce

file icon mp3 Audio_quarto mistero e spiegazione degli avvenimenti


 

Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso,
ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite».
(Giovanni 8,28-29; oppure Luca 23,44-46).





5. La risurrezione di Gesù

file icon mp3 Audio_quinto mistero e spiegazione degli avvenimenti, conclusione.




Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!»
(Giovanni 20,26-28; oppure Giovanni 20,19-22). 





Preghiera di adorazione e di contemplazione alla Trinità


Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo,

Misericordia infinita,
Vi  adoro profondamente e Vi contemplo
nel Corpo, Sangue, Anima e Divinità
di Nostro Signore Gesù Cristo,
nel quale Ti sei donata a noi
e sei presente su tutti gli altari della terra.
Per questo vengo a Voi e Vi chiedo perdono
per i peccati miei e di tutti gli uomini.
Vi chiedo, abbandonato al Cuore Santissimo del Figlio
e per intercessione del Cuore Immacolato di Maria,
il dono della pace, la benedizione delle famiglie
e di portare in Paradiso le anime di tutti i miei fratelli;
in particolare Vi prego
per quelle persone per cui nessuno prega più.






Tutte le trasmissioni dal Santuario
vengono automaticamente archiviate
e sono disponibili all'indirizzo:
http://bambuser.com/channel/trinitamisericordia

NELLO SPECIFICO IL FILMATO REGISTRATO IN SANTUARIO
IL GIORNO 11 LUGLIO 2014
E' DISPINIBILE ALL'INDIRIZZO 

[http://www.trinitamisericordia.net/appuntamenti/web-tv.html]






 




II domenica di Pasqua o domenica della Divina Misericordia

Maccio di Villa Guardia (Co),
Santuario della Santissima Trinità Misericordia,

27 aprile 2014.




file icon mp3 Audio dell'omelia in formato MP3 

 



Omelia di Mons. Italo Mazzoni

Maccio di Villa Guardia (Co), 
Santuario della Santissima Trinità Misericordia,
martedì 22 aprile 2014


Santa Messa nell'Ottava di Pasqua della Misericordia 




file icon mp3 Audio dell'omelia in formato MP3


Preghiera della Supplica recitata dai Sacerdoti della Diocesi di Como e dal Vescovo DIEGO COLETTI, nella Giornata Sacerdotale di Giovedì 24 Aprile 2014, al termine della S. MESSA CONCELEBRATA  .

Le riflessioni che guidano la preghiera sono tratte dall'Omelia della s. Messa Crismale del Giovedì Santo, tenutasi nella Basilica Vaticana da Papa Francesco.
 

file icon mp3 AUDIO IN FORMATO MP3





Santuario Santissima Trinità Misericordia



S. MESSA
NELLA GIORNATA SACERDOTALE
GIOVEDI' 24 APRILE 2014 


 

Vangelo secondo Luca (Lc 24,36-48)

Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno.

In quel tempo, [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi.

Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

file icon mp3 Audio dell' omelia in formato MP3

file icon mp3 Audio della Supplica in formato MP3, recitata al termine della s. Messa



(Video dell' Omelia registrato in Santuario) 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>
Pagina 2 di 4