Santuario della SS. Trinità Misericordia Maccio di Villa Guardia (CO)
Home>Documenti e preghiere>Documenti e preghiere - Santuario SS. Trinità Misericordia - Maccio di Villa Guardia - Como

IN EVIDENZA

CATECHESI

PREGHIERE

WEB TV

COMUNICAZIONI PER LA PARROCCHIA

Prossimi appuntamenti

Lun 24 Giugno 2019, ore 07:00
Esposizione Eucaristica fino alle ore 8.00

Lun 24 Giugno 2019, ore 08:00
Lodi mattutine

Lun 24 Giugno 2019, ore 08:30
S. Messa

Lun 24 Giugno 2019, ore 17:00
S. Rosario

Lun 24 Giugno 2019, ore 17:30
S. Messa

Lun 24 Giugno 2019, ore 19:00
s. Rosario per i Figli; guidato dal "Gruppo Famiglie" (ore 19.00 in Chiesa)

Lun 24 Giugno 2019, ore 21:00
Preghiera della Supplica alla Santissima Trinità Misericordia (vedi evento)

Mar 25 Giugno 2019, ore 07:00
Esposizione Eucaristica fino alle ore 8.00

Documenti e preghiere - Santuario SS. Trinità Misericordia - Maccio di Villa Guardia - Como

Il fascicolo Invito alla Preghiera -  Pasqua 2011. In cammino verso la domenica della Divina Misericordia con introduzione di mons. Diego Coletti, Vescovo di Como, in preparazione al giorno della Beatificazione di Giovanni Paolo II, il 1 maggio, nella festa della Divina Misericordia, contiene, nelle pagine centrali  la Supplica alla Santissima Trinità Misericordia già predisposta per essere estratta e fotocopiata.

Comunicato stampa della Diocesi di Como del 31 marzo 2011, redatto da don Luigi Savoldelli, rettore del Santuario.

 

Fonte: Diocesi di Como - http://www.diocesidicomo.it

L’agnello sgozzato e la Gerusalemme del cielo: Sposo e Sposa in unità

 

Omelia tenuta da don Ivan Salvadori nel giorno ottavo della Novena in preparazione al riconoscimento della Chiesa parrocchiale di Maccio (Co) a Santuario della Santissima Trinità Misericordia.

"Durante l'omelia per il riconoscimento del Santuario dedicato alla Santissima Trinità Misericordia, il vescovo di Como mons. Diego Coletti ha citato il numero 14 dell'Esortazione Apostolica postsinodale "Verbum Domini" del Papa Benedetto XVI. Lo riportiamo per la nostra riflessione".

 


 

Dimensione escatologica della Parola di Dio
14. Con tutto ciò la Chiesa esprime la consapevolezza di trovarsi con Gesù Cristo di fronte alla Parola definitiva di Dio; egli è «il Primo e l’Ultimo» (Ap 1,17). Egli ha dato alla creazione e alla storia il suo senso definitivo; per questo siamo chiamati a vivere il tempo, ad abitare la creazione di Dio dentro questo ritmo escatologico della Parola; «l’economia cristiana dunque, in quanto è l’Alleanza nuova e definitiva, non passerà mai, e non è da aspettarsi alcun’altra rivelazione pubblica prima della manifestazione gloriosa del Signore nostro Gesù Cristo (cfr 1 Tm 6,14 e Tt 2,13)».[41] Infatti, come hanno ricordato i Padri durante il Sinodo, la «specificità del cristianesimo si manifesta nell’evento Gesù Cristo, culmine della Rivelazione, compimento delle promesse di Dio e mediatore dell’incontro tra l’uomo e Dio. Egli “che ci ha rivelato Dio” (Gv 1,18) è la Parola unica e definitiva consegnata all’umanità».[42] San Giovanni della Croce ha espresso questa verità in modo mirabile: «Dal momento in cui ci ha donato il Figlio suo, che è la sua unica e definitiva Parola, ci ha detto tutto in una sola volta in questa sola Parola e non ha più nulla da dire ... Infatti quello che un giorno diceva parzialmente ai profeti, l’ha detto tutto nel suo Figlio, donandoci questo tutto che è il suo Figlio. Perciò chi volesse ancora interrogare il Signore e chiedergli visioni o rivelazioni, non solo commetterebbe una stoltezza, ma offenderebbe Dio, perché non fissa il suo sguardo unicamente in Cristo e va cercando cose diverse e novità».[43]
Di conseguenza, il Sinodo ha raccomandato di «aiutare i fedeli a distinguere bene la Parola di Dio dalle rivelazioni private»,[44] il cui ruolo «non è quello... di “completare” la Rivelazione definitiva di Cristo, ma di aiutare a viverla più pienamente in una determinata epoca storica».[45] Il valore delle rivelazioni private è essenzialmente diverso dall’unica rivelazione pubblica: questa esige la nostra fede; in essa infatti per mezzo di parole umane e della mediazione della comunità vivente della Chiesa, Dio stesso parla a noi. Il criterio per la verità di una rivelazione privata è il suo orientamento a Cristo stesso. Quando essa ci allontana da Lui, allora essa non viene certamente dallo Spirito Santo, che ci guida all’interno del Vangelo e non fuori di esso. La rivelazione privata è un aiuto per questa fede, e si manifesta come credibile proprio perché rimanda all’unica rivelazione pubblica. Per questo l’approvazione ecclesiastica di una rivelazione privata indica essenzialmente che il relativo messaggio non contiene nulla che contrasti la fede ed i buoni costumi; è lecito renderlo pubblico, ed i fedeli sono autorizzati a dare ad esso in forma prudente la loro adesione. Una rivelazione privata può introdurre nuovi accenti, fare emergere nuove forme di pietà o approfondirne di antiche. Essa può avere un certo carattere profetico (cfr 1 Tess 5,19-21) e può essere un valido aiuto per comprendere e vivere meglio il Vangelo nell’ora attuale; perciò non lo si deve trascurare. È un aiuto, che è offerto, ma del quale non è obbligatorio fare uso. In ogni caso, deve trattarsi di un nutrimento della fede, della speranza e della carità, che sono per tutti la via permanente della salvezza.[46]

Ti chiedo perdono, o Padre buono,
per ogni mancanza d'amore;
per la mia debole speranza
e per la mia fragile fede.
Domando a Te, Signore,
che illumini i miei passi,
la forza di vivere,
con tutti i miei fratelli,
nuovamente fedele al tuo Vangelo.

Anima di Cristo, santificami.
Corpo di Cristo, salvami.
Sangue di Cristo, inebriami.
Acqua del costato di Cristo, lavami.
Passione di Cristo, confortami.
O buon Gesù, esaudiscimi.
Dentro le tue ferite nascondimi.
Non permettere che io mi separi da te.
Dal nemico maligno difendimi.
Nell'ora della mia morte chiamami.
Comandami di venire a te,
perché con i tuoi Santi io ti lodi,
nei secoli dei secoli. Amen.

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>
Pagina 4 di 4