Santuario della SS. Trinità Misericordia Maccio di Villa Guardia (CO)
Home>Documenti>Un ricordo particolare di don ENRICO VERGA, parroco di Maccio dal 1974 al 1996.

IN EVIDENZA

CATECHESI

PREGHIERE

WEB TV

COMUNICAZIONI PER LA PARROCCHIA

Prossimi appuntamenti

Nessun evento

Un ricordo particolare di don ENRICO VERGA, parroco di Maccio dal 1974 al 1996.


Presentazione del libro "Don Enrico e la Parola" - Parrocchia S. Maria Assunta di Maccio

https://www.youtube.com/watch?v=nEJQfWY3XXg




PROGRAMMA del giorno anniversario: VENERDI’ 29 GENNAIO

ore 15.00 al cimitero - commemorazione alla sua tomba e omaggio floreale.

ore 20.00 in chiesa - introduzione con ricordo fotografico di don Enrico; S.Messa presieduta dal vescovo Oscar e concelebrata dai sacerdoti nativi ed ex vicari di Maccio; prima presentazione del libro delle sue omelie. NB: seguirà la presentazione ufficiale, che faremo nella sera di VENERDI’ 5 FEBBRAIO h.20.30 in chiesa (in presenza o streaming) con la consegna dei libri ai fedeli.




VENERDI’ 29 GENNAIO - chiesa parrocchiale ore 20.00:

breve ricordo fotografico di don Enrico Verga parroco a Maccio dal 1974 al 1996;

S.Messa presieduta dal vescovo Oscar e concelebrata dai sacerdoti nativi ed ex vicari di Maccio;

al termine: presentazione del libro delle sue omelie.




don ENRICO VERGA (28.3.1936—29.1.1996) nativo di Cadorago e amato parroco di Maccio dal 1974 alla sua morte, riposa nella tomba della famiglia Vassalli-Natta: nella seconda parte del cimitero, una volta oltrepassata la ‘cappellina’ e scesi i pochi gradini sta di fronte a chi guarda, come fosse sempre vigile e pronto ad accogliere il ‘passante’ con uno sguardo. ("MACCIO. Scorci di vita parrocchiale e paesana" di Luigi Maiocchi).

10° anniversario della morte di don ENRICO VERGA
ARCHIVIO GIORNALINO PARROCCHIALE - GENNAIO 2006

file icon pdf GP_2006_01_n113.pdf





In preparazione al 25° anniversario della morte di don Enrico Verga
29 gennaio 1996-2021


RISCOPRIRE LE PROPRIE RADICI

A fine mese rivivremo ancora una volta l’anniversario della morte di don Enrico.
Sono passati 25 anni e devo ammettere che la parrocchia si è sempre mantenuta fedele a questo appuntamento; trovo ancora vivo il ricordo di questo sacerdote pastore e guida per tanti…

Ho pensato così di prendere al balzo l’occasione per proporre alla parrocchia un ripensamento sulla figura di don Enrico. L’obiettivo è di maturare la memoria, di fare ‘sintesi’ del suo ministero sacerdotale, di provare ad approfondire la traccia che ha lasciato, gli insegnamenti, lo stile (“ferreo” a detta di molti, ma “schietto, genuino” e perciò paterno, benevolo). Non deve essere solo una memoria ripiegata sul passato (che produce nostalgia e ricordi) ma il tentativo di ripensare l’oggi, di formulare una valutazione di quello che viviamo ora, di maturare uno sguardo sulla situazione attuale, e di ritrovare le proprie ‘radici’ attraverso chi ci ha preceduto ed educato alla fede...perchè un albero senza radici non può stare in piedi: non ha futuro!

A questo scopo si potrebbe formulare un breve ciclo di catechesi destinate alla intera Comunità parrocchiale (durante le Messe, festive e feriali, e durante qualche momento particolare per famiglie, bambini, giovani…, che dobbiamo ancora studiare...), finalizzate al ripensamento della propria identità cristiana e comunitaria; perciò ecco l’obiettivo: “riscoprire le radici della nostra Comunità di Maccio”, a cui don Enrico ha contribuito a gettare e consolidare nel terreno fertile e fecondo della fede dei maccesi! Perché l’ignoranza del proprio passato porta all’inconsistenza del proprio futuro! bisogna conoscere le persone che ci hanno preceduto, conoscere e apprezzare l’ambiente prima che ci fossimo noi; domandarsi quale eredità raccogliere per l’oggi, e come proseguire, rimettendo al centro non gli uomini ma il Signore! Ci state?.

don Gigi